FANDOM


Questo programma è segnalato dalla campagna High Priority Free Software Projects della Free Software Foundation.
Gnewsenselogo

gNewSense (logo)

gNewSense è una distribuzione GNU/Linux che include al proprio interno solamente software libero. Precedentemente era stato annunciato con i nomi di Ubuntu Libre e Gnubuntu, il nome Ubuntu non può essere utilizzato per distribuzioni che non siano riconducibili alla Canonical.

È nato dalla mente di due esperti irlandesi nel software libero, Brian Brazil e Paul O'Malley, ed è basato sulle distribuzioni Ubuntu e Debian.

L'obiettivo di gNewSense è fornire agli utenti i pacchetti di programmi che offrono la stabilità di Ubuntu con l'aggiunta della libertà completa del software libero al 100%. Nessun codice proprietario è o sarà mai inserito in gNewSense.

La versione 1.0 è distribuita sotto forma di LiveCD inoltre grazie al cosiddetto Builder chiunque può creare una versione personalizzata della distribuzione.

Il supporto avuto dalla FSF permetterà agli sviluppatori di avere una macchina high end (ovvero con un BIOS libero), connettività e assistenza nello sviluppo dei temi grafici. L'ambiente Desktop predefinito è GNOME.

L'ultima versione della GNewSense, rilasciata il 30 aprile 2008, è basata su Ubuntu 8.04.

Scheda DistroModifica

Nome = gNewSense
Tipo = Desktop
Derivata da = Ubuntu
Desktop = GNOME
Licenza = GPL
Include software non libero? = No
Installa per default software non libero? = No
Altro software non libero nei repository? = No
Sviluppatore = Brian Brazil, Paul O'Malley
Stato Sviluppo = Stabile
Ultima Versione = 2.1 (30 aprile 2008)
Sito Web = www.gnewsense.org

Differenze con UbuntuModifica

Le differenze principali sono di carattere etico, in quanto gNewSense e i suoi repository ufficiali non comprendono software che non sia completamente libero.

Leggerezza

gNewSense è più leggera di Ubuntu e pare sia installabile su alcuni portatili che non supportano quest'ultima.

Browser

Il browser predefinito di gNewSense è Epiphany ed è possibile installare IceCat abilitando un apposito repository. Firefox è stato escluso per le sue politiche restrittive riguardanti la gestione del marchio e perchè obbliga ad installare plugin proprietari.

gdm

Dopo il boot appare una schermata (il login di gdm) dalla quale è possibile scegliere in quale modalità si vuole avviare la sessione: Script X-Client, GNOME, Connessione remota sicura, Failsafe GNOME, Failsafe Terminal.

Messaggi utente

I messaggi sono generalmente più esplicativi, ma la traduzione in italiano è piuttosto indietro rispetto a quella di Ubuntu.

Pacchetti aggiuntivi

gNewSense comprende NetHack e il pacchetto bsdgames, che contiene vari giochi e programmi ludici utilizzabili da riga di comando. Questi software sono stati scritti per *BSD e successivamente portati su GNU/Linux. Questi pacchetti da decenni fanno parte della storia di Unix. Inoltre sono presenti di default build-essential e l'editor Emacs.

Builder

gNewSense comprende un builder che consente di costruire una propria distribuzione.

Cosa è rimasto fuoriModifica

Software che è contenuto in Ubuntu e non in gNewSense:

  • Firmware non libero in main e in linux-ubuntu-modules (in quest'ultima directory sono stati rimossi 119 file senza contare la directory debian/firmware)
  • Tutto il contenuto di Restricted
  • Tutto il contenuto di Multiverse

Cosa è stato liberato e quindi riammessoModifica

  • GLX (il ponte tra X11 e OpenGL) è stato rimosso nella versione 2.1, poi reinserito nei repository. Il boicottaggio di queste librerie ha spinto la FSF a far pressioni su SGI perchè GLX venisse liberato, cosa che è avvenuta relativamente in fretta. Debian invece da anni si era accorta che GLX non era libero e avere classificato il suo supporto come bug, ma non aveva alcuna intenzione di rimuoverla. GLX è un "ponte" tra X11 e OpenGL; è quindi indispensabile per utilizzare la grafica 3D, ma è a volte utilizzato per disegnare grafica bidimensionale.

ScreenshotModifica

0.png

gNewSense 2.1, tema predefinito

1

gNewSense 2.1, tema modificato

Vedi ancheModifica

Risorse esterneModifica

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.